5 cose che…. 5 libri che vorrei leggere nel 2018

Bentrovati amici lettori, oggi ritorna per voi la rubrica del venerdì creata da Twin Books Lovers:

5 cose che…

Risultati immagini per 5 cose che

Oggi abbiamo deciso di parlarvi di 5 libri che vorrei leggere nel 2018. Alcuni sono stati pubblicati negli scorsi anni, mentre altri saranno pubblicati nel 2018.
Cominciamo la classifica

#5

The Tower. Il millesimo piano di [McGee, Katharine]

The tower. Il millesimo piano

Manhattan, 2118. New York è diventata una torre di mille piani, ma le persone non sono cambiate: tutti vogliono qualcosa, e tutti hanno qualcosa da perdere. La spregiudicata Leda, che brama una droga che non avrebbe mai dovuto provare e un ragazzo che non avrebbe mai dovuto toccare. La viziata Eris, che dopo aver perso tutto in un istante vuole risalire, ma presto comincerà a chiedersi quale sia veramente il suo posto. L’intraprendente Rylin, che un lavoro ai piani alti trascinerà in un mondo – e in una relazione – mai immaginati: la nuova vita le costerà quella vecchia? Il geniale Watt, che può arrivare ai segreti di ciascuno e, quando viene assunto per spiare una ragazza, si troverà imprigionato in una rete di bugie. E sopra tutti, al millesimo piano del Tower, vive Avery, disegnata geneticamente per essere perfetta. La ragazza che sembra avere ogni cosa, tormentata dall’unica che non dovrebbe nemmeno desiderare…

#4

Wolf: La ragazza che sfidò il destino di [Graudin, Ryan]

Wolf. La ragazza che sfidò il destino

È il 1956 e l’alleanza tra le armate naziste del Terzo Reich e l’impero giapponese governa gran parte del mondo. Ogni anno, per celebrare la Grande Vittoria, le forze al potere organizzano il Tour dell’Asse, una spericolata e avvincente corsa motociclistica che attraversa i continenti collegando le due capitali, Germania e Tokyo. Il premio in palio? Un incontro con il supersorvegliato Führer, al Ballo del Vincitore. Yael, una ragazza sopravvissuta al campo di concentramento, ha visto troppa sofferenza per rimanere ancora ferma a guardare, e i cinque
lupi tatuati sulla sua pelle le ricordano ogni giorno le persone che ha amato e che le sono state strappate via. Ora la Resistenza le ha dato un’occasione unica: vincere la gara, avvicinare Hitler… e ucciderlo davanti a milioni di spettatori. Una missione apparentemente impossibile che solo Yael può portare a termine. Perché, grazie ai crudeli esperimenti a cui è stata sottoposta, è in grado di assumere le sembianze di chiunque voglia. Anche quelle di Adele Wolfe, la Vincitrice dell’anno precedente. Le cose però si complicano quando alla gara si uniscono Felix, il sospettoso gemello di Adele, e Luka, un avversario dal fascino irresistibile…

 

#3

Il sangue degli elfi: La saga di Geralt di Rivia [vol. 3] di [Sapkowski, Andrzej]

Il sangue degli elfi

Il regno di Cintra è caduto. Dopo quattro giorni d’assedio, le truppe di Nilfgaard irrompono nel castello e massacrano l’intera famiglia reale. La principessa Ciri è l’unica che riesce a fuggire ma, all’improvviso, un cavaliere nemico le si para davanti e avanza minaccioso, brandendo un pugnale insanguinato… Ciri non ricorda cosa sia successo. Sa solo che ora è sana e salva, protetta dalla spada di Geralt di Rivia e dalle possenti mura di Kaer Morhen, la fortezza in cui si addestrano i giovani strighi, gli assassini di mostri. Anche Ciri vorrebbe diventare una di loro, così, se tornasse il cavaliere di Nilfgaard, lei non avrebbe più paura, anzi sarebbe pronta a combattere. Una sera, però, al termine di un’estenuante giornata di allenamento, la ragazza dimostra di possedere straordinarie capacità psichiche, così dirompenti da non lasciare adito a dubbi: è lei la Fiamma di Cintra di cui parlano le profezie, la forza che salverà i popoli del mondo dalla rovina. Il suo destino è quindi segnato: deve partire subito per Ellander, dove una maga le insegnerà a controllare quell’immenso potere. Tuttavia, durante il viaggio, Ciri e Geralt dovranno stare molto attenti. Perché un sicario è già sulle loro tracce, disposto a tutto pur di eliminare la Fiamma di Cintra e scatenare il caos…

#2

So tutto di te di [Mackintosh, Clare]

So tutto di te

È il solito viso stanco quello che Zoe Walker, madre quarantenne e divorziata di due figli, intravede riflesso nel finestrino del treno che la sta riportando a casa. È un venerdì come tanti, e dopo un’intera settimana trascorsa ad assecondare un capo impossibile, tutto ciò che desidera è accoccolarsi sul divano tra le braccia del nuovo compagno, Simon. Ma mentre sfoglia impaziente e distratta una copia della London Gazette, la sua mano si blocca di colpo. Perché il volto di donna che pare fissarla da quelle pagine gualcite, un po’ fuori fuoco ma inconfondibile in mezzo alle immagini equivoche delle hotline a pagamento, altri non è che il suo. E se i famigliari insistono che debba trattarsi di un errore o di uno scherzo, Zoe non può fare a meno di restarne turbata, anche quando l’indirizzo web che accompagna la foto si rivela inesistente. La sua inquietudine si trasforma in incubo quando, sullo stesso giornale e corredata dal solito indirizzo Internet, appare la foto di un’altra donna, che in capo a pochi giorni viene ritrovata uccisa alla periferia di Londra. Nessuno, nelle forze dell’ordine o in famiglia, sembra disposto a credere che tra l’omicidio e gli annunci del misterioso sito findtheone.com possa esistere un legame. Ma mentre il conto delle vittime sale inesorabile, il sospetto che quella di Zoe non sia semplice paranoia si fa strada nella mente dell’agente Kelly Swift, abile e impulsiva detective in cerca di riscatto.

 

#1

U4. Koridven di [Grevet, Yves]

U4. Koridwen

Il mondo è popolato solo da adolescenti dai 15 ai 18 anni. Gli unici sopravvissuti fino ad ora al virus U4. Tra loro Koridwen che vive in una fattoria isolata in Bretagna. La ragazza piano piano da sola prova a rimettere in piedi la sua vita. Fino al giorno in cui tutto cambia. Fino al giorno in cui scopre di essere la prescelta per fermare il virus nella sua corsa mortale. Koridwen non capisce perché abbiano pensato proprio a lei. Ma non può non rispondere all’appello di quel messaggio misterioso: deve trovarsi il 24 dicembre a mezzanotte sotto l’orologio più antico di Parigi. Koridwen ha paura, eppure sa che c’è un’unica cosa che può darle la forza per affrontare il suo destino: il ciondolo che sua nonna le ha regalato che si rivelerà un fondamentale talismano. Quello che trova arrivata nella capitale francese è una realtà totalmente nel caos: il cibo scarseggia, le comunicazioni sono impossibili, non c’è elettricità e i monumenti più importanti della città come la Torre Eiffel, l’Arco di trionfo e il Sacro Cuore vengono presi d’assalto. Koridwen deve fare di tutto per proteggere la sua vita e raggiungere il luogo dell’appuntamento. Ma non è sola. Con lei altri tre ragazzi che come lei sono i prescelti: Jules che ha tra le mani segreti che non può svelare; Stephane che è convinta che il padre medico non sia morto e Yannis pieno di voglia di vendetta per la morte della sorellina. Tutti insieme sono l’unica salvezza per l’umanità. Quando sulle spalle porti un peso così importante non c’è tempo per la paura, i dubbi, le incertezze. Anche se si è solo quattro ragazzi bisogna sfoderare il coraggio e tutte le proprie conoscenze. Perché nessuno sa cosa li aspetta. Nessuno sa cosa dovranno affrontare. Nessuno sa perché è toccato proprio a loro. L’unica cosa sicura è che il futuro è nelle loro mani.

 

Allora che ne pensate? Quali libri leggerete nel 2018?

Anima in Penna

Annunci

Anteprima speciale – Le quattro donne di Istanbul

Buongiorno amici lettori,

quest’autrice ha già avuto molto successo con il suo primo libro L’ultimo treno per Istanbul, quindi mi sembrava giusto parlare della sua ultima opera.

Sto parlando di:

Le quattro donne di Istanbul

Le quattro donne di Istanbul di [Kulin, Ayşe]

Autrice: Ayse Kulin

Data di uscita: 25 gennaio 2018

Casa editrice: Newton Compton Editori

Trama

Dopo l’ascesa al potere di Hitler, Gerhard Schlimann, la moglie Elsa e i loro due figli Peter e Susanne abbandonano la Germania per sfuggire alle persecuzioni naziste. Si rifugiano dapprima a Zurigo e poi, quando Gerhard riceve un’offerta dal Dipartimento di Medicina dell’Università di Istanbul, in Turchia. Mentre Susanne e Gerhard sono affascinati dalla cultura turca e provano a integrarsi, Elsa e Peter sono invece fortemente ancorati alle origini tedesche. Nella città musulmana le nuove usanze avranno impatti fortissimi sulle loro vite, fino a ridisegnare i loro concetti di patria e appartenenza. In questa potente saga familiare, la Kulin racconta le sfide e le difficoltà di una vita in esilio, le difficili scelte di chi è costretto ad abbracciare un futuro incerto con una valigia piena di speranze.

 

 

Voi che ne pensate? Fatemi sapere.

Anima in Penna

Non stancarti di andare

Buongiorno amici lettori,

torno a parlarvi di fumetti con due autori che hanno già conquistato i lettori italiani con la loro prima opera “Il porto proibito”.

Sto parlando di:

Risultati immagini per non stancarti di andare


Titolo
: Non stancarti di andare

Autori: Teresa Radice – Stefano Turconi

Casa editrice: Bao

Data di pubblicazione primo volume: 9 novembre 2017

Genere: Narrativa

Voto relativo al fumetto: 9

Voto relativo ai disegni: 8

Trama: Iris inizia a mettersi comoda nella casa di Verezzi mentre Ismail torna a Damasco per sistemare le ultime faccende. Separati da un destino violento e imprevisto, Iris si scopre incinta mentre Ismail lotta per tornare in Italia. Costellato di personaggi memorabili, Non stancarti di andare è un romanzo grafico lungo, denso, impegnato e impegnativo, sul senso dell’esistenza e della distanza. Una storia per distruggere le barriere, per imparare ad amare senza riserve, scritta con immenso coinvolgimento emotivo da Teresa Radice e disegnata, a colori, da uno Stefano Turconi che inventa nuovi trucchi per rendere su carta le emozioni della sceneggiatrice. Un libro che coltiva l’anima e la fa sbocciare, non importa quanto freddo faccia, fuori.

 

Il primo libro di questa coppia di autori è:

Immagine correlata

 

Un fumetto carino che vi consiglio, ma adesso passiamo a “non stancarti di andare”.

 

Risultati immagini per non stancarti di andare

Devo ammettere che il primo fumetto di questa coppia di autori mi era piaciuto ma non mi aveva conquistato pienamente.

Poi, quando è uscito Non stancarti di andare con tutta la pubblicità che ne è derivata non ho potuto esimermi di comprarlo e leggerlo subito, sperando che le buone parole spese per questo fumetto fossero vere.

 

Risultati immagini per non stancarti di andare

La trama è profonda e tremendamente attuale. Una storia che ci narra di due esistenze diverse una più simile a noi, qui in Italia, e una lontana anni luce da noi, in Siria, dove la guerra separa famiglie, genera morte e distruzione.

L’attraversamento abusivo del Mediterraneo alla ricerca di una speranza pagata a caro prezzo.

Un amore nato in terra straniera. Un figlio in attesa del padre.

Un passato che ha generato il presente.

 

Immagine correlata

I personaggi sono numerosi e tutti bellissimi. C’è la madre della protagonista che è un tipo tutto particolare, ma la cui storia mi ha conquistata.

Una storia di immigrazioni e di desapparessidos. Una ragazza in lotta contro la famiglia e alla ricerca del proprio posto nel mondo.

Un prete cristiano che rischia la sua vita in terra straniera per seguire la propria vocazione. Un’anima buona che influenza molte vite e aiuta le persone a trovare loro stesse.

Donne che non sono madri, ma che hanno generato l’affetto filiale in una ragazza alla ricerca di una figura materna.

 

Risultati immagini per non stancarti di andare

 

I disegni e i colori sono davvero molto belli e molto suggestivi. Rendono davvero bene le emozioni che gli autori volevano trasmettere.

Gli argomenti trattati sono difficili e tremendamente attuali. Trovo importante che il tema degli emigranti venga trattato da diversi autori in modo da sensibilizzare maggiormente il pubblico italiano.

L’unica nota dolente riguarda le lettere scritte al bimbo che non è ancora nato. L’ho trovata carina come idea, ma erano davvero troppo lunghe e smorzavano la tensione narrativa. Senza di esse trovo che il fumetto non avrebbe perso molto.

 

Qui sotto potete trovare una piccola anteprima per incuriosirvi un po’ :).

 

 

Per concludere, ve lo consiglio caldamente, non potete perdervelo e attendo con ansia le vostre opinioni!!

Anima in penna

Unboxing Unicorn crate

Buongiorno amici lettori,

per il mio compleanno i miei splendidi amici, mi hanno regalato la tanto agognata Unboxing.

Per chi non lo sapesse le unboxing sono scatole che contengono soprese :). Vi ho incuriosito?

Queste scatole all’estero ci sono per tutti i gusti, ma quella che interessa me riguarda i libri.

All’interno di questa scatola si trova sempre un libro di recentissima pubblicazione e dei gadget carini abbinati.

Normalmente sono ad abbonamento, ma alcune permettono anche acquisti singoli.

Io ho ricevuto la scatola di novembre di Unicorn Crate;

Single Purchase - NOVEMBER Young Adult Fantasy Box

 

Il tema di questo mese è:

Young Adult Fantasy Box

 

 

Devo dire che essendo che queste Unboxing arrivano dall’estero ci ha messo un po’ ad arrivare e una cosa è arrivata rotta. Inoltre vi segnalo che tutto quello che arriva è in lingua inglese, compreso il libro.

Passiamo però al contenuto della mia scatola.

 

Piatto ricco mi ci ficco :).

Ecco nel dettaglio il contenuto:

Runebinder, il primo libro pubblicato da Alex R. Kahler il 14 novembre 2017 ed edito da Harlequin Teen. La copertina mi ispira molto e anche la trama devo dire. Il libro è arrivato dentro a quel bellissimo sacchettino con l’immagine dell’unicorno che vedete sulla destra.

Lettera autografata dell’autore del libro, Alex R. Kahler, rivolta ai lettori del libro. Molto carina devo dire perchè è scritta a mano.

Un coupon per scaricare gratuitamente il libro Keepers di Sacha de Black, che ho subito scaricato sul mio ipad. Dello stesso tema del libro e ovviamente in inglese. Inoltre il coupon era autografato dall’autrice.

Una candela profumata alla fragranza che riprende l’elemento dell’acqua. E’ piena di brillantini e il profumo è buonissimo.

Un burrocacao dal profumo fruttato, piccolo compatto e molto utile, l’ho già infilato in borsetta.

Una tazza che rappresenta i vari elementi raffigurati come unicorni. Sicuramente un oggetto originale nel suo genere, ma purtroppo mi è arrivato con il manico rotto :(.

Una bustina di cioccolata in polvere al latte, ideale per prepararsi una gustosissima cioccolata calda, ideale per questa stagione.

Un segnalibro di Windwitch con una citazione sul retro. Anche in questo caso viene ripreso il tema degli elementi. E’ molto carino, tutto colorato e sempre utile.

Dei tatuaggi ad acqua con i simboli delle rune. Anche se riprendono le rune di Shadowhunters comunque sono attinenti al libro.

Un avatar dipinto mano che, su carta molto carina, rappresenta i movimenti per evocare i poteri dell’aria. E’ una riproduzione del film Avatar the Last Airbender.

Una cartolina riepilogativa del contenuto della scatola e che riprende l’immagine degli elementi che vi ho postato all’inizio.

 

Allora cosa ne pensate?

Anima in Penna

 

5 cose che….

Bentrovati amici lettori, oggi ritorna per voi la rubrica del venerdì creata da Twin Books Lovers:

5 cose che…

Risultati immagini per 5 cose che

Questo mese gli argomenti saranno tutti di carattere natalizio! 🙂
Oggi abbiamo deciso di parlarvi di 5 simboli del Natale: 1 libro, 1 film, 1 alimento, 1 canzone, 1 profumo.
Cominciamo la classifica

#5

Risultati immagini per dickens il canto di natale

Il canto di Natale

Diciamo che ho voluto vincere facile! Credo che per me questo sia il libro simbolo del Natale. Non siete d’accordo con me.

#4

Risultati immagini per la vera storia di babbo natale

La storia di Babbo Natale

Come avrete intuito dal post precedente questo film è l’emblema del Natale. Non l’ho ancora trovato in dvd, ma è un film che mi piacerebbe condividere con i miei figli un giorno.

#3

Risultati immagini per panettone

Panettone

Nell’eterna lotta Panettone vs Pandoro credo che per me vinca leggermente il Panettone. Sarà per i canditi, sarà perchè il pandoro riesco a farlo anch’io, ma se dovessi scegliere un dolce sarebbe il panettone.

#2

Risultati immagini per carol bells

Carol bells

Per chi non la conoscesse è la canzone che c’è in Mamma ho perso l’aereo! Davvero bellissima. Se non la conoscete dovete assolutamente andare ad ascoltarla!!

 

#1

Risultati immagini per neve

Il profumo della neve

 

So che mi prenderete per pazza ma io in inverno a volte sento il profumo della neve. Sarà la vicinanza con le montagne, sarà il vento, ma amo uscire di casa e annusare l’aria.

Allora che ne pensate? Quali libri regalereste a Natale? Vi piacerebbe ricevere uno di questi libri?

Anima in Penna

Anteprima speciale – L’esercito dei 14 bambini. Cielo in fiamme

Buongiorno amici lettori,

ho nella mia wishlist il primo libro di questa saga, ma non ho ancora cominciato la lettura. Prima o poi lo recupererò.

Sto parlando di:

L’esercito dei 14 bambini. Cielo in fiamme

L'esercito dei 14 bambini. Cielo in fiamme di [Laybourne, Emmy]

Autrice: Emmy Laybourne

Data di uscita: 18 gennaio 2018

Casa editrice: Newton Compton Editori

Trama

Intrappolati in un supermercato, i fratelli Dean e Alex hanno dovuto imparare a sopravvivere. Insieme ad altri dodici ragazzi hanno costruito un rifugio sicuro, lontano dal caos circostante. Ma questa fragile pace non è destinata a durare. Sapendo che le armi chimiche hanno reso tossica l’aria all’esterno, in grado di trasformare gli esseri umani in creature assetate di sangue, Dean decide di rimanere nel covo insieme con Astrid e alcuni dei ragazzi più piccoli, mentre Alex è determinato a uscire per ritrovare i genitori. Un piccolo gruppo si avventura così nell’oscurità e nella devastazione, approfittando del riparo temporaneo di uno scuolabus. Se riuscissero a raggiungere l’aeroporto di Denver, potrebbero forse ottenere una via per la salvezza. Ma il mondo là fuori è più spaventoso di quanto si sarebbero mai aspettati…

 

Voi che ne pensate? Fatemi sapere.

Anima in Penna

Propositi 2018

Buon 2018 amici lettori,

auguro a tutti voi che questo nuovo anno sia carico di gioia, belle esperienze e soprattutto libri! Questi non possono ovviamente mancare.

Come ogni inizio anno che si rispetti è tempo di bilanci ed è tempo di buoni propositi.

Risultati immagini per buoni propositi

Partiamo con i buoni propositi che avevo scelto per il 2017:

  1. Provare a leggere libri di generi diversi da quelli che leggo solitamente;
  2. Pubblicare una nuova storia;
  3. Implementare il mio blog.

 

Per quanto riguarda il primo punto sono contenta di constatare che quest’anno ho letto un thriller e un libro con temi riguardanti la diversità sessuale.

Sicuramente è un punto che può essere implementato.

Relativamente al punto due quest’anno una mia storia è stata pubblicata all’interno della raccolta: 100% LIETO FINE.

Inoltre a breve verrà pubblicato un mio racconto per bambini il cui ricavato andrà ad una fondazione benefica.

Ovviamente si può ancora migliorare.

Infine il punto tre. Questo sicuramente è stato quello a cui ho dedicato maggiori sforzi.

Come avrete notato quest’anno il blog ha aggiunto diverse nuove rubriche, tra cui 5 cose che, che adoro e libri per gli occhi.

Inoltre ho cominciato a recensire fumetti e ho partecipato a diversi blog tour e review party.

Sul punto tre posso ritenermi molto soddisfatta.

 

Passiamo adesso ai buoni propositi per il 2018.

Risultati immagini per 2018

 

1. Aumentare il numero di blog tour e review party a cui partecipo e cercare di organizzarne qualcuno.

2. Pubblicare qualche nuova storia (credo che questo punto non uscirà mai dalla mia lista).

3. Leggere ed imparare ad amare nuovi generi letterari.

4. Riuscire ad entrare nel giro dei blog tour dei fumetti.

5. Leggere di più

6. Cominciare un nuovo business in ambito librario (se questa iniziativa dovesse prendere piede, ve ne parlerò sicuramente)

7. Riuscire ad avere maggiori contatti con le case editrici.

 

Direi che alcuni punti sono stati riproposti e altri implementati.

Non sarà facile rispettare i nuovi propositi, ma ce la metterò tutta non temete.

Quali sono i vostri buoni propositi per il 2018?

Anima in Penna