Neve come cenere

Buongiorno amici lettori,

questo libro mi ha da subito affascinato per la copertina che trovo davvero stupenda, tuttavia ho rimandato sempre la lettura. Adesso però è arrivato finalmente il suo momento.

Quindi oggi vi parlerò di:


Risultati immagini per neve come cenereTitolo
: Neve come cenere

Autore: Sara Raasch

Data di pubblicazione: 28 febbraio 2017

Genere: Fantasy

Casa Editrice: Mondadori

Voto relativo al libro: 6,5

Voto relativo alla copertina: 9

Trama: Da sedici anni i cittadini del Regno d’Inverno sono stati fatti schiavi, privati della loro magia e del loro re. L’unica speranza per il popolo di Inverno risiede negli otto fuggitivi che sono riusciti a scappare e sopravvivere fuori dai confini, in attesa che giunga il momento del riscatto.

Rimasta orfana durante la sconfitta di Inverno, Meira è stata allevata da Sire e ha vissuto tutta la vita come profuga. Sogna di diventare una guerriera e far risorgere Inverno, ma il suo cuore batte anche per Mather, il suo migliore amico nonché erede al trono.

Quando gli esploratori scoprono dove è nascosto il medaglione magico in grado di ridare i poteri a Inverno, Meira decide che è giunto il momento di fare sul serio. Finirà coinvolta in un gioco pericoloso forse troppo spietato per lei. E soprattutto dovrà rendersi conto che il suo destino non le è mai realmente appartenuto.

 

Personaggi

La protagonista è Meira, un’orfana del regno di inverno in continua fuga. Il suo regno è stato schiacciato dal regno di primavera e lei è una dei pochi che è sfuggita al massacro e alla cattura. E’ forte e determinata, ma ha sempre paura di non essere all’altezza.

Mather è l’erede del regno di Inverno, ma in quanto uomo non ha ereditato i poteri magici che vengono tramandati solo alle figlie femmine. E’ un ragazzo sveglio e forte disposto a tutto per il proprio regno.

 

Passiamo adesso alla

Recensione

 

Avevo altissime aspettative su questo libro, sia per la copertina, sia per il fatto che si tratta di un Oscar Mondadori.

Inoltre è fa un po’ che sono alla ricerca di un fantasy classico degno di questo nome.

Purtroppo, come avrete già capito dal mio voto, questo libro non è entrato nelle mie corde.

La storia è carina e alla fine ci sono anche dei bei colpi di scena, c’è anche una spruzzata di una storia d’amore, ma la narrazione non decolla.

Forse è lo stile di scrittura che non è accattivante e che non sa creare la giusta suspense, il desiderio di sapere come andrà a finire la storia, cosa succederà dopo.

Forse la trama è troppo lineare, come un treno che viaggia tranquillo sulle proprie rotaie.

Non sono riuscita neanche ad affezionarmi ai personaggi. Forse solo il promesso sposo di Meira ha un po’ conquistato il mio cuore, come anche Sire, ma la protagonista non mi ha catturato. Non soffrivo con lei, non ridevo con lei, non volevo conoscerla meglio.

Purtroppo non è la storia che mi aspettavo. Forse sono rimasta tanto delusa perchè avevo riposto molte speranze in questo libro e da più in alto si cade, più male farà l’impatto.

Le descrizioni erano troppe lunghe. Troppi paragrafi dove non accadeva niente e inutili a livello di trama e a livello di introspettiva.

Forse se la storia avesse avuto più azione e più colpi di scena e meno parti retoriche e vuote, sarebbe potuta migliorare.

Anche il triangolo amoroso mi è sembrato un po’ lanciato lì senza sapere bene come gestirlo. Il lettore, nel giro di poche pagine passa da “ma come ha potuto lui fare questo, lui deve lottare per lei” a “ma il pretendente nuovo sembra essere carino, tifiamo per lui”… Un passaggio troppo repentino e per niente ben sfruttato.

Quando ho finito di leggere il libro non avevo neanche il desiderio di sapere come la storia sarebbe continuata, pertanto, credo che non prendere il libro che verrà dopo di questo.

 

Copertina

Come penso di aver già detto infinite volte, questa copertina mi ha davvero conquistata. Mi piace il dettaglio del disco rotante, con l’immagine della pianta. La cenere che sembra neve e le immagini che si intravedono all’interno del disco rotante.

Il tutto a dir poco stupendo. Una delle più belle copertine degli ultimi tempi.

 

Quindi per concludere, passiamo alla domanda che vi starete facendo? Vi consiglio questo libro? La risposta purtroppo adesso è no. Oppure sì se non vi aspettante il nuovo successo letterario in ambito fantasy.

E voi l’avete letto? Fatemi sapere le vostre opinioni!

Anima in penna

Annunci

Noi siamo tutto

Buongiorno amici lettori,

dopo il bombardamento mediatico che è stato fatto per l’uscita del film nelle sale cinematografiche, non potevo esimermi dal leggere il libro da cui era tratto.

Quindi oggi vi parlerò di:


Risultati immagini per noi siamo tutto libroTitolo
: Noi siamo tutto

Autore: Nicola Yoon

Data di pubblicazione: 16 maggio 2017

Genere: Young Adult

Casa Editrice: Sperling & Kupfer

Voto relativo al libro: 7

Voto relativo alla copertina: 8

Trama: Madeline Whittier è allergica al mondo. Soffre infatti di una patologia tanto rara quanto nota, che non le permette di entrare in contatto con il mondo esterno. Per questo non esce di casa, non l’ha mai fatto in diciassette anni. Mai un respiro d’aria fresca, né un raggio di sole caldo sul viso. Le uniche persone che può frequentare sono sua madre e la sua infermiera, Carla. Finché, un giorno, un camion di una ditta di traslochi si ferma nella sua via. Madeline è alla finestra quando vede… lui. Il nuovo vicino. Alto, magro e vestito di nero dalla testa ai piedi: maglietta nera, jeans neri, scarpe da ginnastica nere e un berretto nero di maglia che gli nasconde completamente i capelli. Il suo nome è Olly. I loro sguardi si incrociano per un secondo. E anche se nella vita è impossibile prevedere sempre tutto, in quel secondo Madeline prevede che si innamorerà di lui. Anzi, ne è sicura. Come è quasi sicura che sarà un disastro. Perché, per la prima volta, quello che ha non le basta più. E per vivere anche solo un giorno perfetto è pronta a rischiare tutto. Tutto.

 

Personaggi

La protagonista è Madeline, una ragazza malata che è costretta a rimanere rintanata nella sua casa per colpa del suo sistema immunitario. Ha perso il fratello e il papà in un incidente quando era appena nata ed è rimasta da sola con la mamma.

Olly è il ragazzo della casa di fronte, sensibile, problematico, bisognoso di affetto e attenzioni.

Passiamo adesso alla

Trama

Madeline è malata e i suoi anticorpi non funzionano adeguatamente. Ha sempre vissuto chiusa nella sua bolla, con sua madre e la sua infermiera. La sua vita è monotona, letture, film e giochi con la madre e studio. Tutto è un circolo senza fine, eterno.

Quando incontra Olly però la sua vita sicura non le basta più, vuole altro, vuole uscire, vuole il mondo. Questo, però, potrebbe ucciderla e uccidere sua madre che ha già perso un figlio e il marito.

 

Recensione

La sola idea di non poter mai uscire di casa e di non poter avere contatti con il mondo esterno mi ucciderebbe. I libri, la tv, la famiglia a un certo punto non basterebbero più. Come si può vivere una vita senza amore, senza amicizie, senza poter scegliere dove andare e come…

Fin dalle prime pagine del libro questa è la sensazione che viene trasmessa.

La protagonista che guarda fuori dalla finestra per riuscire a rubare anche solo un frammento di vita altrui direi che è l’immagine più rappresentativa del libro.

Nella cornice della vita di Madeline ci sono solo sua madre e Carla la sua infermiera. Fino a quando non vede Olly. Un ragazzo sempre in movimento con una famiglia difficile.

Il loro amore sboccia teneramente, per poi travolgerli.

La storia è carina con anche un bel colpo di scena finale che stupisce tutti, ma per il resto, nonostante la tematica mi è sembrata un po’ vuota.

Ossia, aveva tutte le carte in regola per essere un successo come Colpa delle stelle, ma senza avere la stessa profondità o trasmettere gli stessi sentimenti.

Forse questo libro è adatto ad un pubblico di età inferiore alla mia e pertanto tratta un argomento tanto delicato, in modo abbastanza blando.

Diciamo che alla fine non mi ha lasciato una sensazione di soddisfazione. Era come se mancasse qualcosa.

Le idee era buone, ma forse andavano espresse diversamente. Alla fine non sono riuscita a percepire la profondità del dolore di Madeline e di sua madre.

Non ho sentito nel mio animo la sofferenza della separazione da Olly e le privazioni della malattia. Sebbene venissero narrate non venivano trasmesse.

Insomma credo che guarderò il film, ma il libro non mi ha completamente soddisfatto come mi sarei aspettata.

 

Copertina

La copertina, purtroppo in Italia è già stata fatta riprendendo le scene del film e questo mi spiace perchè così è molto più difficile da valutare.

Sicuramente l’immagine è rappresentativa del libro, mentre il titolo, l’unica parte rimasta della copertina originaria, mi piace molto, è fresca e originale. Mi piace il contrasto tra il bianco della scritta e dello sfondo colorato.

 

E voi l’avete letto? Fatemi sapere le vostre opinioni!

Anima in penna

The winner’s curse. La maledizione

Buongiorno amici lettori,

ho conosciuto questo libro tramite le mie amiche blogger che erano felicissime di vederlo finalmente approdare in Italia, inoltre sembra a aver riscosso molto successo a livello mondiale.

Quindi oggi vi parlerò di:


Risultati immagini per The Winner's Curse. La maledizioneTitolo
: The winner’s curse. La maledizione

Autore: Marie Rutkoski

Data di pubblicazione: 13 luglio 2017

Genere: Distopico

Casa Editrice: Leggereditore

Voto relativo al libro: 7,5

Voto relativo alla copertina: 6

Trama: In quanto figlia di un potente generale di un vasto impero che riduce in schiavitù i popoli conquistati, la diciassettenne Kestrel ha sempre goduto di una vita privilegiata. Ma adesso si trova davanti a una scelta difficile: arruolarsi nell’esercito oppure sposarsi. La ragazza, però, ha ben altre intenzioni… Nel giovane Arin, uno schiavo in vendita all’asta, Kestrel ha trovato uno spirito gentile e a lei affine. Gli occhi di lui, che sembrano sfidare tutto e tutti, l’hanno spinta a seguire il proprio istinto e comprarlo senza pensare alle possibili conseguenze. E così, inaspettatamente, Kestrel si ritrova a dover nascondere l’amore che inizia a sentire per Arin, un sentimento che si intensifica giorno dopo giorno. Ma la ragazza non sa che anche il giovane schiavo nasconde un segreto e che per stare insieme i due amanti dovranno accettare di tradire la loro gente o altrimenti tradire sé stessi per rimanere fedeli al proprio popolo. Kestrel imparerà velocemente che il prezzo da pagare per l’uomo che ama è molto più alto di quello che avrebbe mai potuto immaginare…

 

Personaggi

La protagonista è Kestrel, una ragazza valoriana forte e determinata, figlia del generale dell’esercito valoriano. Davanti a lei ci sono solo due scelte: sposarsi o arruolarsi

Arin è uno schiavo, fa parte del popolo herrano, reso schiavo dai valoriani. E’ un ragazzo bello, forte e orgoglioso, disposto a tutto per aiutare il suo popolo.

 

Passiamo adesso alla

Trama

The winner’s curse è una storia di nobili e di schiavi. Di amori e di amicizie, di inganni e di segreti.

Una nuova storia alla Romeo e Giulietta ambientata in un mondo distopico sconvolto dalla guerra.

 

Recensione

Se devo essere brutalmente sincera, fino a metà del libro la storia non decolla. E’ lenta e si trascina mestamente tra feste, giochi di carte e flebili corteggiamenti.

Non c’è azione, non ci sono colpi di scena, non ci sono momenti emozionanti, sembra che l’autrice prenda una lunghissima rincorsa prima di entrare nel vivo della storia.

Da metà libro le acque cominciano a smuoversi e la storia a farsi più interessante. La storia d’amore entra nel vivo. Si vede un po’ più di azione, anche se ancora molto marginale.

Trovo che quando si vuole scrivere un libro che parla di schiavitù, di guerra e di un amore travagliato, ci sia bisogno di inserire scene d’azione, colpi di scena per mantenere alta la suspense e il desiderio di proseguire con la lettura.

Io ho avuto seri dubbi e difficoltà ad arrivare a metà libro.

I protagonisti sono ben approfonditi e strutturati, ma gli altri personaggi trovo che siano abbastanza piatti e senza troppo colore. Sono solo di contorno alla storia principale.

Forse se fosse stato inserito un altro personaggio centrale e la storia non fosse stata troppo focalizzata su Kestrel il libro avrebbe acquistato un po’ più di vigore.

Nel complesso le scene importanti per lo svolgimento della storia si contano sulle dita di una mano.

Infine devo dire che non sono rimasta neanche soddisfatta dal finale, fino al triangolo amoroso potevo capire, ma aggiungere un altro pretendente mi è sembrato davvero eccessivo e forzato.

La parte che mi è piaciuta è stata quella dove l’amore comincia a sbocciare per poi spezzarsi. Inoltre mi è piaciuta l’idea della maledizione del vincitore, anche se forse non l’avrei scelta come titolo del libro visto che viene citata solo alla fine.

Mettendo come titolto italiano “La maledizione” mi aspettavo qualcosa di completamente diverso.

Copertina

La copertina sicuramente è d’effetto, ma non mi è piaciuta tantissimo, sicuramente non la trovo adattissima al libro, mi sarebbe piaciuto qualcosa di diverso. E’ bella l’idea della foto dall’alto, ma forse l’espressione del viso di lei mi ha lasciato un po’ perplessa.

 

Quindi per concludere, passiamo alla domanda che vi starete facendo? Vi consiglio questo libro? La risposta è sì, ma non alzate troppo le aspettative, bisogna prenderlo come un libro leggero e senza troppe preteve. Io dal canto mio, valuterò se leggere il seguito.

E voi l’avete letto? Fatemi sapere le vostre opinioni!

Anima in penna

Un cattivo ragazzo come te

Buongiorno amici lettori,

ammetto che inizialmente avevo ignorato l’uscita di questo libro. L’immagine e il titolo mi hanno trasmesso la sensazione di avere tra le mani il classico libro da ragazzine, ma poi mi è caduto l’occhio sulla scritta in piccolo sul fondo della copertina. “Dall’autrice di Quello che c’è tra di noi” e lì il mio cuore si è fermato.

Io ho letteralmente adorato quel libro, quindi non ho potuto fare altro che leggere questo libro.

Quindi oggi vi parlerò di:


Risultati immagini per un cattivo ragazzo come teTitolo
: Un cattivo ragazzo come te

Autore: Huntley Fitzpatrick

Data di pubblicazione: 11 luglio 2017

Genere: Young Adult

Casa Editrice: DeAgostini

Voto relativo al libro: 7,5

Voto relativo alla copertina: 6

Trama: L’ultima cosa di cui una maniaca del controllo come Alice Garrett ha bisogno è un tipo come Tim Mason. Tim che è il migliore amico di suo fratello minore. Tim che attira i guai come una calamita. Tim che fiuta l’alcol anche bendato. Ma si sa, le cose non vanno sempre come si vorrebbe. Così, quando Tim si trasferisce nell’appartamento sopra il garage dei Garrett, Alice comincia a conoscerlo meglio. E capisce che dietro quella maschera da bad boy si nasconde un ragazzo che, dopo aver toccato il fondo, è pronto a tutto pur di cambiare. Anche a prendersi finalmente la responsabilità per il guaio che ha combinato un anno prima. Un guaio che Tim non ricorda nemmeno ma le cui conseguenze sono sotto gli occhi di tutti. Qualcosa di così scomodo che potrebbe mettere fine alla storia con Alice ancora prima che abbia inizio.

 

Premetto che io adoro la Fitzpatrick e ho amato anche il suo primo romanzo: Quello che c’è tra di noi. Qui potete trovare la mia recensione: https://ilaylaura.wordpress.com/2014/07/12/quello-che-ce-tra-di-noi/

Di conseguenza avevo altissime aspettative riguardo questo libro

Partiamo con il parlare dei:

Personaggi

Già dalle prime pagine impariamo a conoscere Tim. Un ragazzo di famiglia benestante, piuttosto incasinato e con un passato da dimenticare. Ex alcolista ed ex drogato, sbattuto fuori dalla scuola deve solo trovare il modo di ricominciare.

Alice è una ragazza forte e determinata, abituata a prendere la vita di petto e ad occuparsi di  tutta la sua famiglia lasciando indietro la sua vita e i suoi interessi.

Nella storia, per chi avesse già letto “Quello che c’è tra di noi“, incontriamo anche personaggi già noti come Samantha e Jase e i Garrett

 

Passiamo adesso alla

Trama

Quando ho scoperto che questo libro era una sorta di continuazione di Quello che c’è tra di noi ero felicissima. Mi piaceva l’idea di sapere come era andata a finire la storia di questa famiglia allargata.

Rispondo subito alla domanda che qualcuno di voi si starà ponendo. Ma se non ho letto il primo libro, posso comunque leggere Un cattivo ragazzo come te?

La risposta è semplice: sì.

Gli avvenimenti salienti di Quello che c’è tra di noi, sono stati riassunti magnificamente dalla Fitzpatrick, quindi non preoccupatevi e procedete pure per la lettura.

Tuttavia se avete letto il primo libro sicuramente sarete in grado di cogliere molti più dettagli.

Il padre di Alice e Jase sta cercando di riprendersi dopo l’incidente, mentre un nuovo bambino è in arrivo, la ferramenta è da mandare avanti e i bambini sono da accudire.

Alice deve fare la sostituta della mamma e a volte del papà. Ha messo in standby la sua vita per permettere ai suoi genitori di riprendersi.

Quello di cui ha bisogno è una persona che si occupi di lei e non un altro “bambino” da accudire, ma la vita ha altri piani per lei.

Tim ha ricevuto un ultimatum: o metterà la testa a posto, oppure suo padre gli taglierà i fondi. Decide quindi di andarsene di casa e fare le cose a modo suo, e si ritrova a vivere sopra il garage dei Garrett. Comincia ad andare agli alcolisti anonimi, ha smesso con la droga e cerca di prendere l’agognato diploma.

Tutto sembra trovare una soluzione quando l’arrivo di un bambino inaspettato sconvolge tutto.

Recensione

Vi dico subito che questo libro non mi ha entusiasmato come il primo.

La prima grande pecca secondo me riguarda Tim, lui dovrebbe essere il cattivo ragazzo del titolo, ma in realtà di cattivo ha solo il suo passato.

Non mi è piaciuto che non si vedesse niente di questo cattivo ragazzo.

Inoltre secondo me alcune cose sono state tirante troppo per le lunghe senza che ci fosse “trippa per gatti”. Forse se fosse stato più corto il libro mi sarebbe piaciuto di più.

L’inizio prometteva davvero bene, ma secondo me poi, andando avanti, l’autrice si è un po’ persa .

La famiglia Garrett invece è un pilastro, una certezza. Loro sono tutti stupendi e non deve essere stato facile per un’autrice gestire così tanti personaggi diversi e riuscire a caratterizzarli tutti un po’.

Questa, secondo me, è una delle più grandi qualità della Fitzpatrick.

La morale, che è un po’ ricorrente nei libri della Fitzpatrick, è che non sempre i soldi fanno la felicità e che nelle famiglie più povere spesso si trova anche più amore.

Questo è un altro punto che mi ha deluso un po’, mi sarebbe piaciuto leggere qualcosa di un po’ diverso rispetto al primo libro.

Tuttavia mi è piaciuto che l’autrice abbia voluto ridare voce a vecchi personaggi che secondo me avevano ancora tanto da dare.

Copertina

Passando adesso alla copertina, come vi avevo già anticipato, non mi ha entusiasmato. Come saprete non mi piacciono le classiche immagini che raffigurano ragazzo e ragazza insieme con questi titoli terribili, e questa volta avrei rischiato davvero di lasciare il libro sullo scaffale.

 

Per concludere vi consiglio di leggerlo perchè comunque è una buona lettura, ma se come me avete amato il primo libro, non aspettatevi le stesse emozioni.

Come sempre fatemi sapere le vostre opinioni!

Anima in penna

Nerve

Buongiorno amici lettori,

dopo il bombardamento mediatico che è stato fatto per l’uscita del film nelle sale cinematografiche, non potevo esimermi dal leggere il libro da cui era tratto.

Quindi oggi vi parlerò di:


Risultati immagini per nerve libroTitolo
: Nerve

Autore: Jeanne Ryan

Data di pubblicazione: 1 giugno 2017

Genere: Young Adult

Casa Editrice: Newton Compton Editori

Voto relativo al libro: 7

Voto relativo alla copertina: 6

Trama: Quando viene selezionata come concorrente per Nerve, un gioco in diretta online, Vee non è sicura che avrà il coraggio necessario ad affrontare le sfide via via proposte. Eppure chiunque si nasconda dietro Nerve sembra conoscerla alla perfezione e sapere esattamente ciò che desidera: i premi sono allettanti e il suo partner nel gioco è il ragazzo perfetto, il brillante e sensuale Ian. In un primo momento tutto si rivela incredibilmente divertente: i fan di Vee e Ian tifano per loro e li spingono ad alzare la posta con imprese sempre più rischiose. Ma il gioco ha una svolta poco chiara quando i partecipanti vengono indirizzati verso una località segreta con altri cinque giocatori per il round del Gran Premio, la finale di Nerve. Improvvisamente stanno giocando il tutto per tutto e in palio c’è la loro vita. Fino a che punto il sangue freddo di Vee la sosterrà per andare avanti?

 

Premetto che prima di finire il libro ho ceduto e ho guardato il film, quindi aspettatevi a breve un nuovo articolo della mia rubrica Dai libri ai film.

Personaggi

La protagonista è Vee, una ragazza timida, semplice, che è stata sempre sullo sfondo, dietro le quinte.

La sua migliore amica è una protagonista nata, il ragazzo che piace a Vee, il suo co-protagonista.

Nel suo passato c’è una macchia scura che lei si sta sforzando di dimenticare.

Ian è un ragazzo sicuro di sé con un’infanzia difficile, che vuole solo scappare dalla sua famiglia e dalla realtà.

Passiamo adesso alla

Trama

 

Nerve è il gioco online di obbligo o verità senza la verità. Chi si iscrive come giocatore, dovrà affrontare le sfide che il gioco propone, riprendendosi con i cellulari, per guadagnare premi e soldi. Naturalmente la fama è l’ovvia conseguenza dei filmati resi disponibili per spettatori paganti.

Nerve cerca le tue debolezze e i tuoi sogni e li sfrutta a suo piacimento, spingendoti oltre i tuoi limiti, trasformandoti in una persona diversa.

Recensione

Qual è il tuo prezzo? Questa è la domanda che ricorreva spesso nella mia mente durante la lettura del libro. Fino a dove si può spingere l’animo umano per ottenere quello che desidera?

Inoltre il libro è la dimostrazione che internet e i social spesso possono essere un’arma a doppio taglio. Siamo sempre mappati, i nostri acquisti, le nostre ricerche sono lì a disposizione.

Vee non sembra una ragazza così frivola da accettare qualsiasi sfida per portare a casa la vincita.

Questa è una delle cose che mi hanno lasciato più perplessa. Forse sarebbe stata più adeguata una protagonista un po’ meno coscienziosa che scoprisse poco alla volta quanto può essere perfido il pubblico.

Gli altri personaggi sono carini e credibili, come la sua migliore amica e il suo migliore amico.

Ian mi piace, il suo obiettivo è quello di acquistare l’indipendenza da una famiglia violenta e posso capire che fosse disposto a tutto pur di ottenerla, ma Vee non aveva questi obiettivi.

Le prove erano ben studiate per portare i personaggi a toccare i loro limiti, ma secondo me venivano tirate troppo per le lunghe e alla fine stufavano un po’ e non vedevo l’ora che finissero. Forse avrei preferito un paio di prove in più, ma molto più brevi.

La prova finale mi è piaciuta e anche come è stata gestita la conclusione, penso sia stato il culmine del libro.

Penso solo che se fosse stata studiata meglio la protagonista e la parte centrale della trama forse ne sarebbe uscito un libro migliore.

Per il resto secondo me il libro sviluppa un’idea davvero geniale, ma non sfrutta al massimo le sue potenzialità.

 

Copertina

Passando adesso alla copertina, mi piace la scelta del font e dei colori per il titolo e le scritte di sottofondo, ma apprezzo molto più altre copertine scelte per questo libro in altre nazioni.

 

 

E voi l’avete letto? Fatemi sapere le vostre opinioni!

Anima in penna

Illuminae

Buongiorno amici lettori,

questo libro è stato nella mia reading list da quando è uscito, mi è stato regalato a inizio anno e, per un motivo o per l’altro, non ero mai riuscita a cominciarlo. Per fortuna sono arrivate le vacanze.

Quindi oggi vi parlerò di:


Risultati immagini per illuminae libro mondadoriTitolo
: Illuminae

Autore: Kaufman, Kristoff

Data di pubblicazione: 18 ottobre 2016

Genere: Fantascienza

Casa Editrice: Mondadori

Voto relativo al libro: 10

Voto relativo alla copertina: 8

Trama: Quel giorno, quando si è svegliata, Kady pensava che rompere con Ezra sarebbe stata la cosa più difficile da affrontare. Poche ore dopo il suo pianeta è stato invaso. Anno 2575: il cielo di Kerenza, un pianeta poco più grande di un granello di sabbia coperto di ghiaccio e sperduto nell’universo, si oscura all’improvviso. Tra le esplosioni e le urla degli abitanti terrorizzati, una squadra d’assalto della… una potente corporation interstellare, dà inizio all’invasione. Ed Ezra e Kady, che si rivolgono a malapena la parola, sono costretti a cercare insieme una via di fuga. Alcuni giorni dopo, però, un mortale… mutante inizia a diffondersi a bordo di una delle navi sulle quali si trovano i due ragazzi e gli altri superstiti. Come se non bastasse, AIDAN, l’intelligenza artificiale che dovrebbe… pare essersi trasformato nel nemico. E nessuno dei militari incaricati delle operazioni di salvataggio sembra intenzionato a spiegare ciò che sta accadendo. Quando Kady riesce ad accedere a informazioni strettamente riservate, le è subito chiaro che l’unica persona che può aiutarla è anche l’unica con la quale pensava non avrebbe più avuto nulla a che fare.

 

Premetto che questo non è un libro come gli altri. Non aspettatevi i classici capitoli e le descrizioni o i dialoghi, qui non troverete niente di tutto questo. Il libro è organizzato come fosse un dossier che racconta quello che è accaduto, attraverso le chat, le riprese delle telecamere di sorveglianza, i comunicati ufficiali e immagini…

Dopo questa premessa partiamo con il parlare dei:

Personaggi

 

I protagonisti sono principalmente tre.

Kady è una ragazza brillante e intelligente, ha sempre pensato che era destinata a qualcosa di grande. E’ coraggiosa e determinata, ma allo stesso tempo ha bisogno dell’affetto e della vicinanza dei suoi cari, senza i quali si sente persa.

Ezra è meno sicuro di sé, ma farebbe di tutto per difendere Kady e i propri amici. Lui vorrebbe una vita tranquilla, ma la realtà lo ha portato più volte a tirar fuori il coraggio che nasconde dentro di sé.

Aidan è un’intelligenza artificiale, è programmata per proteggere il suo equipaggio e comanda una grandissima nave da guerra spaziale.

Passiamo adesso alla

Trama

 

La storia inizia con la fuga dei nostri due protagonisti umani, da Kerenza. Il pianeta è la base di una miniera illegale che però dà da mangiare a migliaia di famiglie.

Una corporazione rivale decide di attaccare Kerenza e quelli che riescono a scappare vengono soccorsi da tre astronavi: la Copernicus, la Hyperia e l’Alexander.

Tra queste solo l’Alexander è una nave da guerra e da sola riesce a far fuori tre astronavi nemiche, ma l’ultima sopravvive e comincia a inseguirli nello spazio: la Lyncoln.

L’obiettivo dei sopravvissuti è raggiungere il wormhole più vicino e scappare per raccontare quello che è successo.

Purtroppo però i pericoli non sono finiti. I rifugiati della Copernicus vengono infettati da un virus, rilasciato dalla corporazione e a poco a poco impazziscono diventando dei brutali assassini.

Aidan, l’intelligenza artificiale dell’Alexander sembra impazzire e dà ordini che vanno aldilà della comprensione umana. A volte per difenderne alcuni ne uccide molti altri, ma disattivare Aidan porterebbe l’Alexander a portata di tiro della Lyncoln.

 

Recensione

Che dire, Illuminae è uno dei più bei libri che abbia mai letto.

La storia è stupenda e originale, i personaggi sono ben strutturati e la suspense narrativa tiene il lettore con il fiato sospeso fino alla fine.

Un capolavoro.

Lo stile di narrazione, completamente innovativo, trovo che sia stata un’idea geniale. Sicuramente, la storia narrata come se fosse un dossier militare, aiuta il lettore ad immergersi meglio nell’atmosfera e a creare più tensione narrativa.

Devo ammettere che dopo le prime 200 pagine, che mi sono servite per inquadrare la storia, non sono più riuscita a smettere di leggere.

Nella libro vengono inseriti elementi sempre più interessanti, man mano che la storia prosegue e normalmente questi elementi coincidono con nuovi ostacoli da superare.

L’idea del morbo è stata geniale e il punto di vista dell’intelligenza artificiale mi è piaciuto davvero un sacco. Queste erano le parti che attendevo con più trepidazione.

Il lettore vive nella speranza che tutto si risolva per il meglio, ma questa speranza gli viene per diverse volte negata e alla fine si ritrova anche lui sull’Alexander a lottare fino all’ultima pagina anche sapendo che quella sarà l’ultima battaglia.

La storia raggiunge, in molti punti, alti livelli di epicità. Gli autori sono riusciti a creare dei personaggi belli e credibili. Ognuno armato dei propri difetti e delle proprie virtù.

Nella storia incontriamo capitani dell’esercito codardi e nerd coraggiosissimi. Insomma ce n’è davvero per tutti i gusti.

Non ho trovato a questo libro un solo difetto e sono stata felicissima di scoprire che la storia non finisce qua. Il finale di Illuminae infatti è aperto.

Sono già stati pubblicati in inglese i prossimi due libri della trilogia e io non vedo davvero l’ora di averli tra le mie mani. Soprattutto, però, spero ardentemente che siano all’altezza del primo, anche se non sarà facile.

Per incuriosirvi vi riporto le due copertine dei libri che concluderanno la saga di Illuminae:

Obsidio (The Illuminae Files) di [Kaufman, Amie, Kristoff, Jay]

 

Copertina

Passando adesso alla copertina, devo dire che mi è subito saltata all’occhio: è bella, accattivante e diversa da solito, proprio come il libro stesso e sono contenta che stia abbellendo la mia libreria. Sono davvero soddisfatta.

 

Concludendo, per gli amanti del genere, è una lettura che non potete lasciarvi sfuggire. E voi l’avete letto? Fatemi sapere le vostre opinioni!

Anima in penna

Destiny

Buongiorno amici lettori,

finito il tour de force dei review party e dei blog tour, avevo voglia di uno young adult semplice e che mi facesse emozionare. Ho letto alcune blogger recensire positivamente questo libro quindi ho decido di buttarmi.

Quindi oggi vi parlerò di:


Risultati immagini per destiny libroTitolo
: Destiny. Un amore in gioco

Autore: Lindsey Summers

Data di pubblicazione: 25 maggio 2017

Genere: Young Adult

Casa Editrice: Newton Compton Editori

Voto relativo al libro: 7

Voto relativo alla copertina: 5

Trama: Per Keeley sarebbe stato già un disastro aver preso il telefono sbagliato, l’ultimo giorno di scuola appena prima di partire per le vacanze estive. Ma il disastro si trasforma in una vera catastrofe quando scopre di aver preso per errore quello dell’odioso, egocentrico Talon, che tra l’altro è appena partito per il ritiro di football… con il suo telefono. Con riluttanza, i due decidono di inoltrarsi reciprocamente i rispettivi messaggi per una settimana. E così, giorno dopo giorno, Keeley inizia a conoscere un altro lato di Talon, che non le dispiace per nulla. C’è molto oltre la facciata dell’atleta sbruffone che la maggior parte delle persone vede. E inizia a esserci molto di più anche nel cuore di Keeley riguardo a Talon. Troppo. Messaggio dopo messaggio, riesce a esprimersi come non le era mai capitato, e sente che potrebbe davvero diventare la persona che ha sempre voluto essere. E quando i due finalmente, dopo sette lunghi giorni, si incontrano per scambiarsi i telefoni, scocca la magica scintilla. Ma, mentre Keeley ha giocato a carte scoperte, Talon nasconde un segreto che li riguarda. Qualcosa che potrebbe cambiare la loro relazione. E quando Keeley lo verrà a sapere, potrà fidarsi ancora di lui?

 

Questo romanzo è nato dalla piattaforma Wattpad. Un luogo digitale dove gli aspiranti scrittori possono condividere le proprie storie. In America, a volte, succede il miracolo. Se una di queste storie riscuote molto successo una casa editrice ne proporrà la pubblicazione. E così è successo a Destiny.

Dopo questa premessa partiamo con il parlare dei:

Personaggi

 

I protagonisti sono due, ai quali possiamo aggiungere altri due co-protagonisti.

Keeley è una ragazza liceale alle porte del college, il suo sogno è quello di allontanarsi più possibile da casa e iniziare una nuova vita.

Zach è suo fratello gemello, lui, invece, sogna di vincere una borsa di studio per il football per il college vicino a casa e spera tanto che sua sorella scelga la sua stessa scuola.

Talon è due persone in una, a volte è dolce e gentile, altre volte è infantile e vendicativo.

Nicky è la migliore amica di Keeley e il loro rapporto è in un momento di crisi pre-college.

Passiamo adesso alla

Trama

La storia inizia con una bella idea, ma si sviluppa in modo un po’ banale. Keeley e Talon si scambiano accidentalmente il cellulare al luna park e da allora comincia per loro una lunga corrispondenza messaggistica.

Tra loro inizia a nascere qualcosa di tenero, ma Talon è pieno di segreti e Kelley ha paura di rimanere scottata.

Trovo che nel libro ci siano buoni spunti, ma anche tante banalità. Tipo trovo terribile che Talon chiami Keeley “bambola”, per me questo non è un termine dolce come “piccolina”. So che può sembrare una valutazione di parte, e forse è vero, ma a me non piacerebbe venire chiamata bambola.

Il romanzo narra delle classiche problematiche degli adolescenti pre-college con una travagliata storia d’amore. L’inizio l’ho trovato piuttosto banale e dopo per fortuna si riprende un pochino, ma non posso dire che il libro mi abbia entusiasmato. I personaggi sono piuttosto stereotipati e non ci sono argomenti più profondi di una pozzanghera.

Sicuramente è una lettura fresca e leggera, per niente impegnativa, adatta per essere portata sotto l’ombrellone, ma nulla di più.

La cosa che mi è piaciuta è lo stile epistolare moderno. Trovo che al giorno d’oggi sia bello utilizzare la messaggistica istantanea come stile di scrittura. E’ moderno e attuale, in quanto molte delle relazioni amorose si snocciolano attraverso i cellulari.

L’altra cosa che ho apprezzato è la spolverata di psicoanalisi del rapporto fraterno fra Keeley e Zach e di quanto i fratelli possano allontanarsi crescendo.

 

Copertina

Passando adesso alla copertina, devo purtroppo dire che è davvero terribile, la scelta dei colori è l’immagine non mi avrebbero mai convinta a prenderlo in mezzo al mare di libri presenti nelle librerie.

 

 

E voi l’avete letto? Fatemi sapere le vostre opinioni!

Anima in penna