Review Party – L’emporio dei piccoli miracoli

Buongiorno amici lettori,

 

Oggi insieme ad un gruppo di blogger abbiamo letto per voi:

 

Titolo: L’emporio dei piccoli miracoli

Autrice: Keigo Higashino

Casa editrice: Sperling & Kupfer

Data di uscita: 20 novembre 2018

Genere: Narrativa

Sinossi

Tre giovani ladri un po’ pasticcioni – Shota, Kohei e Atsuya – hanno appena svaligiato una casa in una piccola cittadina di campagna, quando vengono lasciati a piedi dall’auto con cui sarebbero dovuti scappare. Decidono allora di nascondersi in un vecchio negozietto che sembra abbandonato, l’Emporio Namiya. Nel cuore della notte, però, succede qualcosa di strano: una lettera viene infilata sotto la serranda abbassata del negozio. È una richiesta di aiuto, indirizzata all’anziano proprietario dell’Emporio, che anni addietro era diventato celebre perché dispensava massime di saggezza e consigli di vita a chiunque gli chiedesse una mano. I tre, così, decidono di fare le sue veci e depositano una risposta scritta fuori dalla porta. Shota, Kohei e Atsuya, pensando di aver risolto la questione, tornano a discutere della fuga all’alba, ma dopo qualche istante giunge la replica, e questa volta capiscono che incredibilmente quelle lettere sono inviate da qualcuno che vive nel 1979, più di trent’anni indietro rispetto al loro presente. Da quel momento, le lettere di aiuto si moltiplicano, inviate da nuovi mittenti, ognuno con i propri problemi, tutti diversi e tutti complicati. Coinvolti in quella bizzarra macchina del tempo, i tre ladri decideranno di prestare il proprio aiuto a tutti quelli che lo richiedono, provando con le loro risposte a cambiare, in meglio, il passato. Scegliendo il miglior destino possibile per quei perfetti sconosciuti.

 

L’autore

Risultati immagini per Keigo Higashino

Keigo Higashino (Osaka, 1958) è un autore di culto in Giappone.
Prima di dedicarsi completamente alla scrittura ha lavorato come ingegnere.
A 27 anni ha vinto il prestigioso premio per inediti Edogawa Rampo. Ha pubblicato saggi, storie per bambini, romanzi, ma è conosciuto soprattutto per i suoi thriller, tutti bestseller pluripremiati dalla critica da cui sono stati tratti film e serie tv di enorme successo. Finalista del Mystery Writers of America Edgar Award, Il sospettato X (Giunti 2012), ha vinto il Naoki Prize, uno dei più prestigiosi premi letterari giapponesi. I suoi libri hanno venduto oltre 15 milioni di copie.

 

Review

Cominciamo con il review party.

Devo dire che non sapevo bene cosa aspettarmi da questo libro, quindi ho iniziato la lettura andando con i piedi di piombo.

Devo ammettere che i primi capitoli non mi avevano conquistato particolarmente.

La scrittura è un po’ diversa da quella a cui sono abituata, quindi ho dovuto un attimo entrare nell’ottica corretta prima di cominciare ad apprezzarla.

Inoltre credo occorra premettere che io sono particolarmente attratta dal Giappone e dai suoi usi e costumi, quindi non appena la lettura è decollata sono rimasta davvero affascinata.

Allora passati i primi capitoli la trama parte a bomba.

La storia è studiata nei minimi dettagli. Il libro è strutturato per mostrarci diverse storie e diversi protagonisti.

Tutte le trame sembrano essere legate tra loro solo dall’emporio, ma in realtà capitolo dopo capitolo si scopre che anche i vari protagonisti sono legati tra di loro.

Partiamo però dall’inizio, la storia gira intorno all’emporio Namiya. Il proprietario dell’emporio è famoso per elargire consigli a chi ne ha bisogno. Tutto rigorosamente tramite lettere scritte a mano.

La storia si svolge su piani temporali diversi: i giorni nostri e il 1988 circa. Anche l’emporio è sospeso su due piani differenti, come dentro una bolla temporale.

La storia è sempre più avvincente, per via dei personaggi descritti, per gli intrecci che intercorrono tra i protagonisti e perchè tutto si riconduce all’emporio e all'”orfanotrofio”.

Mi è piaciuto molto avere uno scorcio del Giappone di allora e di oggi, vedere le condizioni degli anziani, capire come è stata vissuta la visita dei Beatles, ma soprattutto la mentalità del luogo.

Una storia profonda e carica di significato. Scorci di vita vissuta che nascondono importanti insegnamenti:

  • abbiamo un’atleta che non sa se abbandonare il fidanzato per giocare alle olimpiadi;
  • un ragazzo che è combattuto tra inseguire il suo sogno e aiutare i genitori;
  • un ragazzo indeciso se fuggire con i suoi genitori pieni di debiti o se lasciarli andare;
  • una ragazza venuta su dal niente che desidera solo trovare il modo per ripagare coloro che l’hanno aiutata durante la sua vita

E via così. Dubbi esistenziali, domande a cui spesso non ci sono risposte semplici.

Pagina dopo pagina la scrittura diventa sempre più scorrevole e la storia più avvincente.

Un grande libro, una perla che arricchisce le nostre librerie.

Assolutamente non lasciatevelo scappare. Sarebbe anche un ottimo regalo di Natale 🙂

 

Copertina

Passiamo infine a parlare della copertina. Per chi mi conosce da un po’ sa che è uno degli aspetti di un libro che valuto sempre. Allora devo dire che la copertina serve proprio a catapultare il lettore nelle atmosfere giapponesi. Inoltre i colori scelti fanno proprio pensare a una favola. Buona scelta.

 

Mi raccomando andate a dare un’occhiata anche agli altri blog che partecipano all’iniziativa.

 

Come voto complessivo darei un bel:

Risultati immagini per numero 4        su         Immagine correlata

 

E voi che ne pensate, vi ispira?

Anima in Penna

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.