Ekho. Mondo specchio

Buongiorno amici lettori,

eccomi di ritorno con una recensione di un altro fumetto. Ve lo dicevo che quest’anno ero lanciata con le novità :).

Sto parlando di Ekho Mondo specchio.

Risultati immagini per ekho


Titolo
: Ekho. Mondo specchio. New York – Parigi

Autori: Arleston – Barbucci

Casa editrice: Bao

Data di pubblicazione volume unico: 4 dicembre 2014

Genere: Steampunk

Voto relativo al fumetto: 6,5

Voto relativo ai disegni: 8,5

Trama: Ekhö è un mondo speculare alla terra ci sono le nostre città, i nostri paesi, ma leggermente diversi. Non c’è elettricità, i draghi sostituiscono gli aerei di linea, vagoni della metropolitana sono sul dorso di grandi millepiedi. Ma la cosa più stupefacente sono i Preshaun che, a dispetto dell’aria dolce e coccolosa, sembrano tenere le redini di questo mondo… Formicola Grattugila e Yuri Podrov. Vicini di posto su un aereo 747, si ritrovano loro malgrado su ekhö. Dopo essere stati a New York e aver scoperto che il corpo di Formicola viene posseduto dallo spirito di una vecchia zia uccisa, i due si spostano a Parigi, Per sventare un complotto che mette in pericolo tutto l’impero francese.

 

La nuova opera si intitola Ekho – Il Mondo Specchio (Monde Miroir il titolo originale), e ha visto la luce in Francia pubblicata da Soleil lo scorso 13 marzo. Da noi, Bao non si è fatta pregare e ha dato l’annuncio: Ekho, per i disegni di Alessandro Barbucci e i testi di Christophe Arleston, uscirà a giugno.

 

L’inizio della storia è ambientato nella nostra realtà quotidiana e più precisamente all’interno di un aereo. Tra i passeggeri ci sono la splendida Formicola, ragazza decisamente sexy che studia arte e si dirige a New York per assistere a una mostra, e il suo vicino di sedile, l’impacciato Yuri. Ma proprio mentre l’aereo sta per atterrare accade qualcosa di inconsueto e non una catastrofe alla Lost. Una strana creatura che sembra uscita da una favola, infatti, si manifesta di fronte alla giovane facendo discorsi per lei incomprensibili. E come in un sogno, o in un incubo, a seconda dei punti di vista, lo stesso aereo si trasforma in una gigantesca creatura alata.

La stupita Formicola e lo sconvolto Yuri scoprono di essere a New York; ma non si tratta della metropoli che tutti conoscono. È una versione diversa della Grande Mela, più assimilabile a un universo fantasy. L’elettricità, per esempio, non esiste; i draghi sostituiscono gli aeroplani, i vagoni della metropolitana si trovano sul dorso di millepiedi giganti e così via. Non è una realtà parallela, come scoprirà Formicola, ma un luogo denominato Mondo Specchio; una dimensione speculare alla nostra, appunto, evolutasi in modo differente. L’amministrazione è appannaggio dei cosiddetti Preshaun, somiglianti a creature fatate e dotate di una logica comportamentale difficile da comprendere.

Passato il primo momento di smarrimento, Formicola si sforza di adattarsi e lo stesso fa, suo malgrado, Yuri. Tuttavia c’è da domandarsi: per quale ragione proprio loro sono finiti a Mondo Specchio? Che ruolo gioca la defunta zia di Formicola che di tanto in tanto possiede il suo corpo? Con una serie di intriganti misteri e divertenti vicissitudini, Arleston scrive una storia appassionante, sbizzarrendosi con personaggi ben caratterizzati: spogliarelliste che si sballano con saliva allucinogena di rospi; poliziotti farseschi; burocrati che impazziscono per il tè e così via. L’autore gioca con il cliché della ragazzina stile Alice finita in un contesto strampalato dosando sapientemente humour e colpi di scena. A tratti Ekho può anche far pensare a certe cose di Neil Gaiman e nel complesso l’opera è valida, sia per i testi sia per i dialoghi mai verbosi e ridondanti ma sorprendentemente vivaci.

Il volume è da tenere d’occhio pure per gli stupendi disegni di Alessandro Barbucci il cui stile è un riuscito mix di cartoon e vaghi influssi manga senza eccedere nella caricatura. Il suo non è un tratto realistico e vale soprattutto per gli esserini che popolano il Mondo Specchio perfetti per un libro illustrato; ma, lo ripeto, non sfocia mai nel cartoonesco propriamente detto. Inoltre, Barbucci riesce a rappresentare con bravura mozzafiato la voluttuosità maliziosa di Formicola e delle procaci stripper ed è capace di evocare un lieve, delicato erotismo che contribuisce a rendere ulteriormente interessante il libro. Un altro punto di forza è rappresentato dagli sfondi e dalle incredibili, minuziose architetture della New York fantasy immaginata da Arleston e già solo questo elemento fa di Ekho un’opera da prendere in considerazione. Il tutto è poi valorizzato da un suggestivo bianco e nero.

Potendo riassumere in immagini per fervi rendere l’idea nel Teaser 2 francese del fumetto sono racchiuse le parti interessarti del fumetto.

Nel Teaser 1 tutto quello che non ho apprezzato:

 

Per concludere se siete alla ricerca di un fumetto leggero e divertente ve lo consiglio e attendo con ansia le vostre opinioni!!

Anima in penna

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...