Prima il cuore

Buongiorno amici lettori,

sono davvero contenta di raccontarvi questo libro perchè era tanto che non trovavo un romanzo capace di coinvolgermi così:

 

Titolo: Prima il cuore

Autore: Jessi Kirby

Data di pubblicazione: 19 aprile 2016

Genere: Young Adult

Voto relativo al libro: 9

Voto relativo alla copertina: 8

Trama: La notte in cui il fidanzato Trent, a soli diciassette anni, muore in un incidente stradale, il mondo di Quinn Sullivan si frantuma in mille pezzi. Niente può avere senso se hai perso l’amore della tua vita. Forse, però, se riuscisse a mettersi in contatto con le persone che hanno ricevuto i suoi organi potrebbe superare quel dolore che pare inconsolabile. Così le hanno spiegato al gruppo di sostegno che frequenta da quando Trent se ne è andato. E allora Quinn si fa coraggio e le contatta tutte quelle persone, una dopo l’altra. Tutte tranne una, quella più importante, il ragazzo che ha ricevuto il cuore di Trent, e che ha scelto di restare anonimo. Ora che finalmente ha recuperato le forze, infatti, Colton Thomas è determinato ad andare avanti per la sua strada lasciandosi il passato alle spalle. Anche se questo significa non sapere nulla della persona che gli ha permesso di tornare a vivere. Contravvenendo a ogni regola, Quinn decide di incontrarlo ugualmente. E subito avverte una connessione particolare con lui, un legame speciale che, di giorno in giorno, diventa sempre più profondo. Trascinata dalla straordinaria voglia di vivere di Colton, Quinn torna a sorridere, anche se un terribile senso di colpa la tormenta: è giusto nascondergli la sua vera identità per paura di perderlo? E, soprattutto, come può abbandonarsi ai sentimenti che prova per lui se ogni battito del suo cuore non fa che ricordarle ciò che ha perso per sempre?

 

Devo dire che era da un po’ di tempo che non trovavo un libro capace di tenermi incollata alle pagine.

Gli ultimi romanzi che ho letto e recensito erano si belli, ma mancavano di quella scintilla.

Non mi spingevano a utilizzare tutti i miei momenti liberi per andare avanti nella lettura, ripentendomi mentalmente “solo più un capitolo”.

La storia è triste, ma soprattutto profonda.

Il libro inizia con un incidente, una perdita e un dolore fortissimo.

Quinn, una ragazza di 18 anni, vede il suo futuro svanire quando il suo ragazzo Trent, muore in un incidente stradale. Tutti i suoi sogni e le sue speranze vanno in frantumi. Si chiude in se stessa e respinge le ingerenze del mondo esterno che la spingono a dimenticare e andare avanti. L’unica sua ancora di salvezza è restare aggrappata al ricordo del suo perduto amore, contanto i giorni dalla sua morte e incontrando le persone a cui sono stati donati i suoi organi.

Solo uno dei riceventi si ostina a non risponderle. Colton colui che ha avuto in dono il suo cuore.

Colton è un ragazzo solare, allegro e forte, rinchiuso in un corpo che non è in grado di tenere il passo con la sua vita ideale. Dopo anni di malattia, finalmente arriva il tanto atteso cuore che sembra resituirgli tutto quello che aveva perso. Il mare e anche l’amore. Quando incontra Quinn qualcosa in lei lo attira a tal punto di non poterne più fare a meno.

Quinn si aggrappa a Colton con tutta se stessa, prima per tenere ancorata a sè quella piccola parte di Trent che ancora vive in lui, poi per non perdere l’energia che il tempo passato con lui sembra restituirle.

Il libro è un vortice dove paura, angoscia e dolore si alternano all’amore, alla fiducia e alla voglia di ricominciare.

Mi sono piaciuti un sacco tutti i riferimenti al cuore che precedono ogni capitolo, alcuni sono estratti di articoli medici e altri sono poesie.

Le emozioni dei protagonisti sono messe a nudo in modo splendido e coinvolgente. La paura del futuro li costringe a vivere ogni giorno come se fosse l’ultimo e ad assaporare ogni momento.

Insieme a loro impariamo ad apprezzare di più quello che ci circonda, perchè, a volte, diamo per scontata la meraviglia che ci circonda.

Anche la copertina la trovo stupenda perchè riprende un’immagine riportata nel libro ed è carica di significato.

Il cuore dentro alla bottiglia è sinonimo di fragilità, ma anche di occasioni mancate e di pazienza e speranza. Speranza di riuscire finalmente ad uscire dalla bottiglia e rincominciare a vivere.

Insomma devo dire che l’autrice è stata grandiosa sia per l’idea, sia per come l’ha realizza, riuscendo a trattare così bene un tema così difficile.

Quindi mi raccomando leggetelo e fatemi sapere le vostre opinioni!

Anima in penna

Annunci

Un pensiero riguardo “Prima il cuore

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...