Venivamo tutte per mare

Buongiorno amici lettori,

come promesso ho cambiato genere. Questa volta mi sono buttata su una sorta di romanzo-documentario. E’ un genere che ho scoperto da poco e ogni tanto mi fa piacere rispolverare.

 

Titolo: Venivamo tutte per mare

Autore: Julie Otsuka

Data di pubblicazione: 12 gennaio 2012

Genere: Romanzo-documentario

Voto relativo al libro: 7

Voto relativo alla copertina: 7.5

Trama: “Da anni” ha dichiarato Julie Otsuka, “volevo raccontare la storia delle migliaia di giovani donne giapponesi – le cosiddette “spose in fotografia” che giunsero in America all’inizio del Novecento. Mi ero imbattuta in tantissime storie interessanti durante la mia ricerca e volevo raccontarle tutte. Capii che non mi occorreva una protagonista. Avrei raccontato la storia dal punto di vita di un “noi” corale, di un intero gruppo di giovani spose”. Una voce forte, corale e ipnotica racconta dunque la vita straordinaria di queste donne, partite dal Giappone per andare in sposa agli immigrati giapponesi in America, a cominciare da quel primo, arduo viaggio collettivo attraverso l’oceano. È su quella nave affollata che le giovani, ignare e piene di speranza, si scambiano le fotografie dei mariti sconosciuti, immaginano insieme il futuro incerto in una terra straniera. A quei giorni pieni di trepidazione, seguirà l’arrivo a San Francisco, la prima notte di nozze, il lavoro sfibrante, la lotta per imparare una nuova lingua e capire una nuova cultura, l’esperienza del parto e della maternità, il devastante arrivo della guerra, con l’attacco di Pearl Harbor e la decisione di Franklin D. Roosevelt di considerare i cittadini americani di origine giapponese come potenziali nemici. Fin dalle prime righe, la voce collettiva inventata dall’autrice attira il lettore dentro un vortice di storie fatte di speranza, rimpianto, nostalgia, paura, dolore, fatica, orrore, incertezza, senza mai dargli tregua

Sono dell’idea che ogni tanto sia doveroso leggere qualche libro un po’ diverso dal solito. Libri che ci permettono di affacciarci su realtà sconosciute, su pezzi della nostra storia sui quali non ci eravamo mai soffermati prima.

Non aspettatevi il classico romanzo o il classico documentario storico. Non aspettatevi un nesso logico tra una storia e l’altra. Questo libro fornisce una panoramica di insieme e molti frammenti di vite.

Non c’è una sola protagonista o un solo punto di vista, ma molti e uno diverso dall’altro.

Con questo libro il lettore segue la vita di molte ragazze giapponesi (dai 12 ai 40 anni), che vengono deportate in America per raggiungere mariti che hanno conosciuto solo per corrispondenza.
Una volta arrivate in America comincia per loro una nuova vita, fatta di lavoro, duro lavoro, lavoro senza fine. Nei campi, nella case delle persone benestanti o nei bordelli.
Il libro racconta dei loro figli e del radico razzismo nei loro confronti col quale devono quotidianamente convivere.
Parla dell’umiltà di questo popolo e dalla loro incredibile voglia di lavorare e di darsi da fare.

Infine parla di Pearl Harbor e delle conseguenze che questo attacco ha avuto nei confronti dei giapponesi residenti in America.

Questo libro graffia l’anima, punge in punti dolorosi e mostra immagini scomode, ma vere. Non è un libro semplice e non è un libro per tutti.

Non ve lo consiglio per riempire i vostri momenti morti, ma ve lo consiglio per riempire i vostri vuoti nell’animo, per immergersi in verità che devono essere conosciute

Se avete voglia di dargli una possibilità fatemi sapere cosa ne pensate.

Anima in penna

Anteprime

Buongiorno amici lettori,

aprile è un mese ricco di anteprime ed essendo un po’ che non aggiorno questa rubrica ecco a voi una bella carrellata:


Titolo: The program
Autrice: Suzanne Young
Data di pubblicazione: 21 Aprile 2015
TRAMA
 Sloane sa perfettamente che nessuno deve vederla piangere. La minima debolezza, o il più piccolo scatto di nervi, potrebbero costarle la vita. In un attimo si ritroverebbe internata nel Programma, la cura ideata dal governo per prevenire l’epidemia di suicidi che sta dilagando fra gli adolescenti di tutto il mondo. E una volta dentro, Sloane dovrebbe dire addio ai propri ricordi… Perché è questo che fa il Programma: ti guarisce dalla depressione, resettandoti la memoria. Annullandoti. Così, Sloane ha imparato a seppellire dentro di sé tutte le emozioni. Non vuole farsi notare, non ora che suo fratello è morto e lei è considerata un soggetto a rischio. L’unica persona che la conosce davvero è James, il ragazzo che ama più di se stessa. È stato lui ad aiutarla nei momenti difficili, lui a farle credere che ci fosse ancora speranza. Ma, quando anche James si ammala, Sloane capisce di non poter più sfuggire al Programma. E si prepara a lottare. Per difendere i propri ricordi, a qualunque costo.
Titolo: I regni di Nashira, Il destino di Cetus
Autrice: Licia Troisi
Data di pubblicazione: 28 Aprile 2015
TRAMA
 Talitha ha oltrepassato il confine che da millenni separa i popoli della superficie di Nashira dagli Shylar, gli esseri immortali che dimorano nel sottosuolo. Laggiù, dove il tempo è un eterno presente, si nasconde la chiave che forse potrà fermare le esplosioni di Cetus, il sole che ciclicamente distrugge ogni forma di vita in un’apocalisse di fuoco. Intanto un arcano incantesimo ha riportato in vita Saiph per ricongiungerlo a Talitha e ai guerrieri che la accompagnano nella missione. Nei meandri di Shyla scopriranno un mondo multiforme e traboccante di vita, abitato da animali feroci e creature simili a divinità. L’energia magica che lo pervade è governata da regole misteriose e l’enigmatica Nera, guida spirituale degli Shylar, farà qualsiasi cosa per preservarla, a costo di allearsi con l’essere più abietto che calpesta la terra di Nashira: Megassa, padre di Talitha che ha votato la sua vita alla distruzione della figlia e dei suoi alleati…
Titolo: Eroi dell’Olimpo. Il sangue dell’olimpo
Autore: Rick Riordan
Data di pubblicazione:  14 Aprile 2015
TRAMA

Così giunge a conclusione il viaggio della Argo II e del suo equipaggio di semidei romani e greci.

Sebbene abbiano riportato alcune vittorie e sebbene siano ormai in gruppo affiatato la vittoria su Gea, madre dei Titani e degli Dei dell’Olimpo, sembra impossibile: i giganti sono risorti e sono più forti che mai e anche lei sta per svegliarsi, ciò che le occorre è il sacrificio di due semidei, di versare il sangue dei figli dell’Olimpo.

Gli eroi oltre che alla Grecia guardano con preoccupazione a ciò che accade alle porte di New York: sempre più spesso hanno visioni di una tremenda battaglia tra il Campo Mezzosangue e il Campo Giove, guidato da Ottaviano.

L’unico modo di riportare pace tra greci e romani sarebbe portare indietro a Long Island la grande statua di Atena rinvenuta nelle grotte di Roma, anche se da Athena Parthenos potrebbe dipendere la loro vittoria su Gea.

 Mentre la nave fa rotta verso est e la statua vola sull’Atlantico, gli Dei — ancora divisi tra la loro doppia natura — sono del tutto inutili.

Come potranno un gruppo di ragazzi sconfiggere l’armata di Gea? Per quanto sia pericoloso fare rotta su Atene, non hanno altre opzioni: hanno già sacrificato troppo e se Gea si risveglierà sarà game over.

Titolo: Non chiedermi se ti amo
Autrice: Rachele McIntyre
Data di pubblicazione: 16 aprile 2015
TRAMA
Lara ha diciassette anni e crede di aver trovato la sua anima gemella. C’è solo un problema: si tratta del suo insegnante. Fino a quel momento la sua vita è stata molto difficile: suo padre ha perso il lavoro, ma lei ha cercato di essere forte, almeno a casa. Sfoghi e paure li ha consegnati soltanto al suo diario. Solo a quelle pagine riesce a rivelare cosa le succede a scuola: Lara è continuamente vittima di orribili episodi di bullismo da parte dei compagni, che non fanno altro che schernirla e prenderla in giro e che a un certo punto passano anche alle maniere forti. Per fortuna, improvvisamente, nel buio della sua esistenza si è accesa una luce: è arrivato Mr Jagger, il suo giovane e affascinante professore d’inglese. È lui l’unica persona che riesce a capire Lara, a prenderla sul serio e a notare le sue qualità. L’unica persona che si mostra gentile con lei. L’unica di cui Lara si innamora perdutamente. Ma anche l’unica che non può ricambiare i suoi sentimenti… O forse sì?
le streghe di ashtor high
Titolo: Le streghe di Astor High
Autrice: Brittany Geragotelis
Data di pubblicazione: 14 aprile 2015
TRAMA
Hadley Bishop è la discendente della più potente strega di tutti i tempi nonché la ragazza più popolare del liceo Astor High. Le sue giornate scorrono serene e divertenti, fra gli impegni di cheerleader e le lezioni di magia (e alcuni piccoli segreti relativi a un guardaroba capace di rinnovarsi grazie a qualche semplice incantesimo). Ma quando sua madre viene rapita e uccisa dalla stessa congrega di streghe che assassinò la sua antenata durante i processi di Salem, Hadley decide di farla finita con la minaccia che tormenta la sua famiglia da secoli, e di farlo una volta per tutte. Con l’aiuto delle amiche e dei compagni, Hadley darà vita a una battaglia epica, combattuta senza esclusione di colpi, che sconvolgerà il mondo della magia per sempre. Eppure, nonostante il suo coraggio e il suo potere, Hadley non potrà evitare di innamorarsi del ragazzo sbagliato. Quello che non avrebbe mai dovuto stregare il suo cuore.
10425407_10206121840066458_2390564977939025888_n (1)
Titolo: L’amore verrà
Autrice: Jessica Sorensen
Data di pubblicazione: 2 febbraio 2015
TRAMA
Per tutta la sua breve esistenza, Nova Reed ha sempre saputo cosa fare. Voleva diventare una famosa musicista e sposare il suo grande amore. Poi tutto è cambiato in un istante, un giorno che non potrà mai dimenticare. Da allora le pare di essere sempre sull’orlo dell’abisso, sul punto di impazzire. Il suo destino, però, si incrocia con quello di Quinton Carter. Anche lui, con la sua aria triste e persa, sembra avere un grosso debito con la vita e un passato turbolento che non vuole ricordare. Nova desidera aiutarlo, forse per scacciare i propri fantasmi e sensi di colpa, ma non sa che quel ragazzo nasconde un terribile segreto. E se lei dovesse decidere di andare avanti con lui, potrebbe davvero perdersi per sempre… Anche Quinton deve fare una scelta: si merita davvero l’amore di Nova o dovrà scontare in eterno i tragici errori che ha commesso prima di incontrarla?
Cosa ne pensate? C’è qualcosa che ispira anche a voi?
Anima in penna

Nuova rubrica

Buongiorno amici lettori,

oggi la vostra Anima in penna vi delizierà con una nuova rubrica “Dai libri ai film”. Parliamo sempre di libri, ma in un’altra forma. Parliamo di film tratti da libri. Quando dalle pagine, la storia viene trasferita sul grande schermo. Quando i personaggi che abbiamo amato e odiato prendono vita.

Quando un libro diventa film possono presentarsi varie situazioni:

1 chi già ha letto il libro rimane soddisfatto dalla fedeltà e dell’accuratezza del film;

2 chi ha letto il libro nonostante il film non sia completamente fedele rimane comunque soddisfatto;

3 chi ha letto il libro rimane deluso dal film;

4 chi non ha letto il libro viene invogliato dal film a leggerlo;

5 chi non ha letto il libro non viene invogliato dal film a leggerlo.

Io da amante dei libri mi sono ritrovata in tutti questi scenari.

Ad esempio mi è capitato il punto 4 con Shadowshunter, il punto 2 con Lo Hobbit, il punto 3 con Percy Jackson… etc

Tutti i lettori incalliti si sentono coinvolti quando un libro approda sul grande schermo. Ecco spiegato il motivo della mia nuova rubrica.

Il libro/film con cui comincerò è questo:

 

image_book the-divergent-series-insurgent-poster-405x600

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Insurgent è il secondo capitolo della saga Divergent targata Veronica Roth.

Devo premettere che questa saga è una delle miei preferite, quindi quando sono andata a vedere i film avevo grandissime aspettative!

Il primo film era piuttosto fedele al libro, ma mi ha abbastanza deluso. L’ho trovato piatto e privo di emozioni. Completamente il contrario del libro che invece essendo introspettivo trasmetteva molte sensazioni.

Non mi capacito di come tale film abbia riscosso tutto questo successo al botteghino, mentre un film come Shadowshunter, che io ho trovato davvero ben fatto, è stato un flop mondiale.

Essendo rimasta un po’ delusa dal primo, avevo paura anche per il secondo film, inoltre il trailer mi aveva un po’ sconcertato.

Dopo questa premessa posso dirvi che Insurgent non mi ha deluso come Divergent, ma non mi ha neanche completamente soddisfatta.

Partiamo col dire che alcuni attori non rispecchiano a pieno i personaggi del libro, a livello fisico. Tris è troppo alta e robusta rispetto alla descrizione e Cristina, che dovrebbe sovrastarla, invece è piccolina. Inoltre la madre di Tobias potrebbe essere sua sorella talmente sembra giovane l’attrice.

Tuttavia questa volta le emozioni c’erano ed erano coinvolgenti. I film non era piatto e i momenti di azione si susseguivano bene. Diciamo che per chi non ha letto il libro il film credo sia stato piacevole.

Nel complesso infatti è piaciuto anche a me, ma ho trovato alcune pecche, soprattutto sulla storia.

Secondo me hanno tralasciato parti e personaggi importanti, come il padre si Tobias e hanno modificato parti che secondo me non erano da modificare. Davvero hanno preferito fare esperimenti su Tris per aprire una scatola?? Questa parte avrebbe dovuto spiegare in cosa i Divergenti differiscono rispetto agli altri. Anche perché Tris pacifica proprio non lo può essere….

Anche la parte dei Pacifici è stata ridotta al minimo, come pure il rapporto tra Tris e Quattro. Nel libro viene decritto dettagliatamente come il loro rapporto evolve…. Litigi, fiducia, compromessi… Invece tutto si riduce a poche semplici sfumature di amore.

Un’ultima chicca che avrebbero potuto inserire era il metodo con cui i Pacifici cercavano di reprimere gli istinti litigiosi, ma capisco che non fosse utile per la storia :).

Tirando le somme, secondo me hanno migliorato il tiro rispetto al primo film, ma c’è ancora del lavoro da fare. Inoltre sono molto preoccupata che l’ultimo libro venga suddiviso in 2 film, in considerazione del fatto che nella prima metà della storia non c’è molta azione…

Voi cosa ne pensate?

Anima in penna